Ecologia?
No, abitudine. Questa è la chiave, a mio parere, per risolvere uno dei più grandi problemi dell’attualità. Bisogna riqualificare l’esistente, non costruire del nuovo. La terra su cui viviamo è attualmente stuprata, maltrattata ed ha subito qualsiasi forma di violenza. Ormai non vi sono più grandi spazi verdi da riempire, l’esistente deve essere semplicemente rivalutato. Ci sono migliaia di metri quadrati di tetti in Italia, per esempio facendoci distese di pannelli solari sarebbe possibile ridurre il consumo di energia tradizionale ed aumentare l’indipendenza energetica di interi condomini o forse quartieri. Non ho la possibilità di mostrare calcoli, progetti ma solo di dire quel che penso. Il design ormai si basa su principi che focalizzano l’attenzione sul rapporto tra uomo ed ambiente: da anni ormai l’architettura predilige grandi finestre ed ampi spazi di dialogo tra l’interno e l’esterno della casa. Questo è un ottimo punto da cui partire. Aprendo le finestre e facendo entrare aria non condizionata ma naturale e sana possiamo entrare nel mondo che ci circonda. Non è più momento di chiudersi nella buia individualità medievale, è necessario aprirsi ad un’epoca di collaborazione ed aiuto, assistenza e cura di ciò che è nelle nostre mani.
Someone said: “Se trovi qualcosa di speciale devi averne cura, devi lasciare che cresca”.
Mb.
Set 29, 2011 / 2 note

Ecologia?

No, abitudine. Questa è la chiave, a mio parere, per risolvere uno dei più grandi problemi dell’attualità. Bisogna riqualificare l’esistente, non costruire del nuovo. La terra su cui viviamo è attualmente stuprata, maltrattata ed ha subito qualsiasi forma di violenza. Ormai non vi sono più grandi spazi verdi da riempire, l’esistente deve essere semplicemente rivalutato. Ci sono migliaia di metri quadrati di tetti in Italia, per esempio facendoci distese di pannelli solari sarebbe possibile ridurre il consumo di energia tradizionale ed aumentare l’indipendenza energetica di interi condomini o forse quartieri. Non ho la possibilità di mostrare calcoli, progetti ma solo di dire quel che penso. Il design ormai si basa su principi che focalizzano l’attenzione sul rapporto tra uomo ed ambiente: da anni ormai l’architettura predilige grandi finestre ed ampi spazi di dialogo tra l’interno e l’esterno della casa. Questo è un ottimo punto da cui partire. Aprendo le finestre e facendo entrare aria non condizionata ma naturale e sana possiamo entrare nel mondo che ci circonda. Non è più momento di chiudersi nella buia individualità medievale, è necessario aprirsi ad un’epoca di collaborazione ed aiuto, assistenza e cura di ciò che è nelle nostre mani.

Someone said: “Se trovi qualcosa di speciale devi averne cura, devi lasciare che cresca”.

Mb.

  1. charmcityecovillage ha rebloggato questo post da matteobielli
  2. postato da matteobielli