The Latest

Set 22, 2014

Mr raincoat, eddy the Dolphin and the submarine. Sept. 2014

Set 21, 2014 / 1 nota

Mr raincoat, eddy the Dolphin and the submarine. Sept. 2014

Ago 19, 2014

Ulivi, viti, castagni

Tramonta il sole sul parco mentre le strade si accendono come serpenti illuminati. Tramonta il sole e le nuvole si accendono di colori noti solo ai soffitti più nobili ed ecclesiastici e tramonta il sole facendo accendere la musica nei baracchini sulla spiaggia. Il profumo dell’olio é indelebile nelle mie narici, il sapore del mare brucia il colore dei miei baffi ma senza un naso a completare tutto questo è tutto vano, inutile e dissoluto. Buona notte dolce riviera, non esiste posto migliore che la tua costa, nè posto più dolce che le tue onde quando placide e docenti quando irose.
Ciao, amore ciao. A presto.

Ago 3, 2014 / 1 nota

Mattine piovose, pini e profumo d’estate.

Focacce all’orizzonte di liguri sponde e Chet Baker sullo sfondo che suona un ritmo lento e rastrellato da un piatto fatto suonare da uno spolverio leggero e vibrante.

L’lp non smette di girare finchè i solchi diventano pieni e dalla finestra un tintinnio, costante stillicidio di acqua piovana sul vetro ed il silenzio delle cicale piene d’amore e nulla più che un rilassante bagno in piscina e un gin tonic, bevuto in amicizia e rilassatezza. Tela di quotidiana grande bellezza agreste su di una collina.

Mon amie
Lug 27, 2014 / 2 note

Mon amie

Soft shadows from a window
Lug 27, 2014 / 2 note

Soft shadows from a window

Bonifaziu, 2012
Lug 6, 2014 / 1 nota

Bonifaziu, 2012

Juliette 2014
Lug 6, 2014 / 1 nota

Juliette 2014

Corse du sud, Juliette 2012
Lug 5, 2014 / 1 nota

Corse du sud, Juliette 2012

Giu 25, 2014

Dettagli

Scrivo questo breve e inutile intervento per lasciare una traccia delle ultime riflessioni sul ‘Basic’ o stile sobrio che dir si voglia. La composizione di un arredo interno non è affatto semplice ma cosa più di un panorama e del rapporto della natura con esso può arredare? E allora, così pensando, enormi vetrate antiecologiche riempirebbero i nostri spazi e saremmo invasi da litri di colle e solventi. No, bisogna non essere ingordi nell’aprire troppi affacci sull’esterno, bisogna riuscire a trovare il giusto scorcio e lasciare che da una poltrona ce ne si appropri lievemente. Nulla di questo coincide con le pareti curve o un’abuso di formalismi vacui nel contenuto. Una scrivania sobria ed elegante, ben pulita e modesta su due cavalletti che nel loro rigore vengano contrastati da una poltrona comoda e con braccioli ed una buona tazza di tè. Nulla credo sia un vassoio migliore se condito con del silenzio, per godere di un panorama, anche se brutto.

Giu 3, 2014 / 2 note

La città eterna mi ha rapito per qualche giorno, mi ha trattenuto con il suo profumo intenso. Non oso immaginare quante parole sono scrosciate su di lei ma ci ho lasciato veramente un grande pezzo del mio cuore. Meravigliosa e calda, con i suoi ritmi ed il suo respiro. 

Ho pianto al Pantheon ed ugualmente al Fontanone, ogni altra parola sarebbe di troppo, non vedo l’ora di tornare.

"Ciao Amore, Ciao!"

Indipendentemente dagli aspetti tecnici e tecnicistici esiste una forma nell’architettura sobria e delicata che si distingue dall’affermazione dell’immagine fine a se stessa. Delle coperte bianche e fresche assolutamente anonime con una tela forse in lino che disegna un’ideale testiera del letto, disallineata come un’abbraccio. Cuscini forse un po’ vuoti ed un muro bianco. Non minimal, non estetico ma elegante, delicato, soffice e fresco. La luce, infine, non si dirama solo nel buio ma prende importanza anche nel giorno quando disegna una connessione tra letto e lino con una finestra curva e un po’ retrò che mi fa sognare il profumo della lavanda di Provenza.


( Via http://m.weheartit.com/entry/116700512/via/claudette?utm_campaign=share&utm_medium=image_share&utm_source=tumblr )
Maggio 19, 2014 / 1 nota

Indipendentemente dagli aspetti tecnici e tecnicistici esiste una forma nell’architettura sobria e delicata che si distingue dall’affermazione dell’immagine fine a se stessa. Delle coperte bianche e fresche assolutamente anonime con una tela forse in lino che disegna un’ideale testiera del letto, disallineata come un’abbraccio. Cuscini forse un po’ vuoti ed un muro bianco. Non minimal, non estetico ma elegante, delicato, soffice e fresco. La luce, infine, non si dirama solo nel buio ma prende importanza anche nel giorno quando disegna una connessione tra letto e lino con una finestra curva e un po’ retrò che mi fa sognare il profumo della lavanda di Provenza.


( Via http://m.weheartit.com/entry/116700512/via/claudette?utm_campaign=share&utm_medium=image_share&utm_source=tumblr )

Maggio 18, 2014 / 3 note

Niente

Niente, non ho voglia di niente, mentre guardo il poster buio senza luce appeso di fianco al mio letto. Niente, non ho voglia di niente, mentre la sveglia lascia aloni verdi di ore precise che scorrono, insonni.
E mentre il cuscino è tra le mie braccia come vorrei ci fossi tu, ho voglia che scenda una lacrima sul mio viso e cadere con lei ma nel sonno mentre di qualcosa in fondo avrei voglia e sono le tue braccia contorte con le mie.

Il profumo delle stelle mi invade, non è forse architettura ciò che emoziona? Mille parole andrebbero spese mentre gli occhi di tutti si spengono come candele alla fine del loro corso e mai, mai avrei pensato di voler sapere di più, così.
Maggio 12, 2014 / 2 note

Il profumo delle stelle mi invade, non è forse architettura ciò che emoziona? Mille parole andrebbero spese mentre gli occhi di tutti si spengono come candele alla fine del loro corso e mai, mai avrei pensato di voler sapere di più, così.

Apr 15, 2014

My fuorisalone 2014